Integrare programmi KDE in GNOME

C’è un sacco di gente che non si fa problemi a usare programmi KDE su GNOME e viceversa, anche se hanno un aspetto completamente differente; però c’è anche chi – come me – di problemi se ne fa, e preferisce magari usare un programma un po’ meno potente ma che si integra meglio con il proprio sistema.

Per fortuna, grazie a qualche piccolo accorgimento, non bisognerà più rinunciare a usare programmi KDE su GNOME perché schifati dalla loro interfaccia!
Ecco il risultato che sono riuscito a ottenere:

kasablanca-mini.png

Be’, non mi sembra proprio male, no?*

Per raggiungere una tale configurazione bisognerà modificare tre cose: colori, icone e stile.

1. I colori

Aprite KControl, il Centro di Configurazione di KDE, e andate in Aspetto e Temi -> Colori. Lì usate il contagocce per copiare i colori di GNOME, in particolare quello della finestra, dei pulsanti e della selezione (per quest’ultimo potete aiutarvi facendo uno screenshot).

2. Le icone

Se sotto GNOME state usando le Tango o una loro variante siete fortunati, perché esistono set di icone Tango anche per KDE! Queste sono quelle che mi piacciono di più, e che a mio avviso sono pure le più complete.
Per installarle usate KControl, oppure scompattatele in ~/.kde/share/icons.

3. Lo stile

Ecco la parte più interessante! Lo stile per KDE che si avvicina di più a controparti per GNOME come Clearlooks e Murrine è QtCurve. Tra l’altro, è anche disponibile lo stesso stile per le GTK+, in modo da aumentare ancora di più l’integrazione.
Per installare questo tema è opportuno procedere come con tutti gli altri, ossia compilandolo:

$ ./configure --prefix=`kde-config --prefix`
$ make
# make install

L’ultimo comando ovviamente da root.
Una volta installato, abilitatelo ovviamente da KControl, e poi prendetevi un po’ di tempo per configurarlo a dovere: se ben configurato, è possibile ottenere altissimi livelli di integrazione!

EDIT: 4. Chicca finale

Grazie a felipe, ecco qua un comando che inverte i pulsanti ok, annulla ecc di KDE, per renderli come quelli di GNOME:

$ kwriteconfig --group KDE --key ButtonLayout 1

* Font a parte: il mio KDE pare non digerire molto bene il DejaVu Sans Condensed :D

Annunci

7 Risposte to “Integrare programmi KDE in GNOME”

  1. ubuntubox Says:

    Quale font e quale tema murrine usi?

  2. Neo Says:

    il font di gnome è dejavu sans condensed con autohinter abilitato (solo per questo font).
    quello del titolo è il swis721 Cn BT D-Type (un po’ raro.. se hai difficoltà a trovarlo contattami via jabber/msn o per email).

    lo stile è MurrinaFancyCandy, leggermente modificato dal sottoscritto.

  3. ubuntubox Says:

    il font l’ ho trovato, il tema potresti spedirmelo via mail? grazie ancora e cmq bel blog, lo aggiungo al blogroll

  4. notoriousxl Says:

    Sai per caso come integrare i segnalibri dei programmi gtk (cioè, quelli salvati in ~/.gtk-bookmarks) con quelli di qt? Sarebbe un bel passo in avanti per l’integrazione ;)

  5. neo Says:

    Purtroppo no.
    Questo post era dedicato solo all’integrazione estetica, non so neanche se sia possibile un tale livello di integrazione.

  6. notoriousxl Says:

    @neo
    Grazie lo stesso… purtroppo neanche sono riuscito a trovare il file dove le app kde salvano segnalibri… :(

  7. Neplan Says:

    Ciao Neo…il font swis721 cn bt d-type è davvero complicato da reperire…potresti inviarlo via mail? Ti ringrazio molto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: