DSL300T, alla fine ho vinto!

… alias come aumentare il limite di connessioni del D-Link DSL300T!

Ormai avete capito che odio il mio modem quasi quanto odio windows e la microsoft (e il mio odio verso di essi è molto elevato).
Dopo che il modem ha avuto la meglio per molto tempo, finalmente anche il sottoscritto ha fatto un punto, il più importante di tutta la partita!

Per questa mini guida devo ringraziare mOLOK, che mi ha suggerito una possibile soluzione al problema in un commento in un post precedente: aumentare il limite di connessioni via telnet.
Questo dovrebbe valere anche per DSL302T, DSL500T e DSL502T, ma non garantisco nulla.

Ieri mi è tornato in mente e googlando un po’ ho trovato la soluzione.
Innanzitutto assicuratevi di avere telnet. Su Arch non è installato di default: il pacchetto è netkit-telnet.

Ora connettiamoci al modem:

$ telnet 192.168.1.1

Dovremo effettuare il login. L’username è root, mentre la password admin.

Come possiamo facilmente verificare, l’attuale limite di connessioni simultanee è di 512:

# cat /proc/sys/net/ipv4/netfilter/ip_conntrack_max

Noi ce ne sbatteremo e lo portiamo a 2048:

# echo 2048 > /proc/sys/net/ipv4/netfilter/ip_conntrack_max

Et voilà! Ora non avremo più il problema delle continue disconnessioni quando usiamo programmi p2p.
Se per caso dovessero essercene ancora, potreste provare a portare il limite a 4096, ma non mi assumo responsabilità se vi si fonde il modem :D

Purtroppo però c’è un ma: questa procedura è da rifare ogniqualvolta il modem venga spento e riacceso, poiché non viene salvata (neanche salvando le impostazioni dal’interfaccia web).
Fortuna che è una cosa veloce da fare…
Comunque mi sto informando per sapere se sia possibile creare uno script che faccia questi due comandi in automatico.

EDIT: ecco lo script! (grazie a Doktor Schliemann :D)

#!/bin/bash
(
sleep 2
echo 'root'
sleep 1
echo 'admin'
sleep 1
echo 'echo 2048 > /proc/sys/net/ipv4/netfilter/ip_conntrack_max'
sleep 1
echo 'exit'
)|telnet 192.168.1.1

Ovviamente, se avete a disposizione una macchina windows, potete cambiare firmware e trasformare il vostro modem in router, ma se non avete questa possibilità e/o non volete rischiare di trasformare il modem in un fermacarte, potete benissimo fare come ho fatto io ;)

EDIT #2: non perdetevi la guida a come aggiornare il firmware! I rischi che si corrono sono bassi se si fanno le cose con un po’ di cautela, però la decisione spetta comunque a voi :)

In definitiva: state lontani da questo modem! Piuttosto spendete 10 € in più ma comprate qualcosa che funzioni già da subito, magari un bel router.

P.S. Non c’entra niente ma… è arrivato GNOME 2.18.1 nei repo!

Annunci

2 Risposte to “DSL300T, alla fine ho vinto!”

  1. mOLOk Says:

    Per la cronaca io ho cambiato il firmware da una macchina linux.
    E comunque si`, c’e` il rischio di trasformare il router in un fermacarte (io l’ho fatto ad un mio amico :)
    Se e` in comodato d’uso la telecomma di solito li cambia, basta raccontargli che “ha semplicemente smesso di funzionare, tra l’altro c’era un temporale ma non sono esperto di queste cose, non so se puo` avere influito”
    Ad ogni modo per lo scripting puoi usare netcat (aka nc).

  2. Neo Says:

    @mOLOK: io ci ho provato seguendo le indicazioni su dlinkpedia.net, quindi via ftp, ma, anche se veniva scritto che i comandi erano stati eseguiti correttamente, alla fine le partizioni erano sempre tali e quali a prima…
    Questo modem l’ho comprato, quindi non posso (purtroppo) usare quella scusa :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: